Il Mattino – Svolta storica: la pasta di Gragnano ottiene il riconoscimento europeo Igp

Adesso nessuno potrA� piA? usare i due termini insieme, tutelato il metodo di produzione
La Pasta di Gragnano A? oggi un prodotto IGP.

Arriva finalmente la conferma da parte della Commissione Europea del raggiungimento di un grande traguardo per il Consorzio Gragnano CittA� della Pasta e della cittA� intera, che vede la Pasta di Gragnano entrare nella lista dei giacimenti gastronomici italiani da tutelare. Iscritta finalmente a livello europeo nel registro delle denominazioni di origine protette e delle indicazioni geografiche protette, la protagonista della tavola italiana porta le eccellenze italiane certificate a quota 254. a�?A Gragnano il profumo del grano A? oggi piA? intenso. Festeggiamo 8 anni di lavoro e 500 anni di storia e tradizione dei pastai gragnanesia�? commenta Giuseppe di Martino, Presidente del Consorzio Gragnano CittA� della Pasta che insieme agli altri consorziati esprime gioia per il riconoscimento ottenuto e continua: a�?La storia e la produzione della Pasta hanno disegnato il territorio della cittA� di Gragnano, scrigno che custodisce da oltre cinque secoli il prezioso tesoro della conoscenza di saper fare ottima pasta. Da secoli esportata in tutto il mondo, la Pasta di Gragnano IGP A? ambasciatrice del Made in Italy e di uno stile di vita sostenibile, sano e naturale.

Il Consorzio Gragnano CittA� della Pasta, costituitosi nel 2003, dopo aver attraversato momenti difficili alternati ad esaltanti successi, oggi dimostra di
essere il modello vincente che ha permesso la diffusione di questa��eccellenza gastronomica, sempre piA? apprezzata ed amata dai piA? grandi chef e consumatori buongustai in ogni dove.

La ricerca assoluta della qualitA� ha attraversato nei secoli le strade della nostra cittA�, luogo incontaminato a ridosso di una verdeggiante Valle, a
cavallo fra la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana, da sempre crocevia di appassionati cultori del gusto e culla della piA? grande espressione
della cucina italiana. Questo riconoscimento teso alla tutela del consumatore A? un ulteriore suggello che garantirA� la��assoluta autenticitA� della provenienza e del metodo unico di lavorazione della Pasta di Gragnano IGP.

Ruggente motore della��economia del territorio,questa��ultima porta con sA� un bagaglio di cultura gastronomica e stile di vita che unisce nel piatto le
produzioni di eccellenza italiane. a�?In questi 8 anni molte sono state le difficoltA� incontrate che avrebbero potuto vanificare il raggiungimento della��obiettivo. Oggi la tenacia, unita alla fattiva collaborazione delle Istituzioni quali la Regione Campania, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e, in ultimo, la Commissione Europea, hanno reso possibile la��ottenimento di questo risultato.

Sono molte le persone che mi hanno accompagnato in questo lungo viaggio. Ricordo con piacere la passione e la dedizione con la quale la dott.ssa Laura La Torre, Direttore Generale Controllo QualitA� e Repressione Frodi del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, ci ha guidato e accompagnato dalla��inizio, e per un lungo tratto del nostro cammino; il dott. Roberto Varese e il suo staff della Direzione Generale dello Sviluppo Agroalimentare e della QualitA�, che ci ha seguito negli ultimi anni e il Presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale del Parlamento Europeo, il dott. Paolo De Castro, giA� Ministro
della��Agricoltura, che si A? battuto con noi e con il quale, di primissimo mattino, ho condiviso oggi la gioia e la soddisfazione di questo momento.a�?

E proprio Paolo De Castro commenta soddisfatto: “Una svolta storica: A? la prima volta che la pasta ottiene un riconoscimento del genere in un momento
difficile. Quasi un ritorno alle origini”.

PDF_icona_min Visualizza il PDF



Translate »